martedì 30 dicembre 2014

La neve

Allora.
C`e` la neve.
LA MERAVIGLIOSA NEVE.
E c`e` freddo. Sapete cosa significa finalmente dire "oh, c`e` freddo" dopo anni passati a morire di caldo anche a natale?
Sicuramente, no. Perche` si sa che il caldo a natale e` una cosa oscena orrenda e immonda.
Ma qualche decerebrato che amo questo schifo di caldo ESISTE.
Regalo tanta compassione u.u e anche una rivista scientifica, cosi` gli amanti del caldo capiranno quanti danni causa il caldo e la calura in genere, non solo alle coltivazioni ma anche alla nostra salute.
Che poi non ci sia nemmeno questo grande freddo per me e`assodato (oggi mi prendevano in giro per questo) ma scesa da casa, vedendo le neve sui monti, avrei volentieri ballato la samba. Con tanto di capello con le corna di renna.
E quindi si`, sono tanto bimbominkia e poraccia da fare un post sulla neve e sul freddo.
Il freddo e` gioia. Amore. Poter bere un te` caldo. Una cioccolata. Pensare di fare la fonduta di cioccolato. Stare con il tuo comodo pigiamino di pile con le renne, i pinguini, o i panda.
Le foto sembrano uscite dalle cartoline. Quelle lucine accese, in mezzo al bianco, da farti pensare di vivere in un paesaggio fiabesco, tornare a casa e mettersi davanti la stufetta, o il camino, e arrostire focaccine.
Ok, la finisco.
La smetto.
Ma sono genuinamente felice. E le bolle dalle mani stanno sparendo. EVVIVA *-*

giovedì 25 dicembre 2014

God Bless Yorkshire dialect

Avete presente quel momento in cui pensi "ecco, in questo periodo dovrei proprio evitare di vedere qualcosa del genere?"
Ecco, questo e` quello che mi succede quando vedo le cose sbagliate nei momenti sbagliati.
La scorsa sera, prima di andare a dormire, mi sono decisa a vedere una versione di Cime Tempestose che non conoscevo, quella del 2009.
Un po` per curiosita`, un po` perche` volevo vedere se la mia diffidenza per questo libro (che sto rileggendo in inglese) sarebbe passata.
Non fraintendetemi: continuo a pensare che Catherine sia una pazza isterica e Heathcliff un povero stolto, pero` si sa, certe opere vanno lette e rilette per capirle appieno.
In inglese ovviamente e` abbastanza difficile; alcuni personaggi infatti non parlano un inglese classico, ma l`inglese dello Yorkshire. Che, per chi non lo conoscesse, e` questo qui Yorkshire dialect. Questo tipo di dialetto discende direttamente dall`antico nordico. I vichinghi infatti si stabilirono proprio li`, e ancora oggi lo Yorkshire difende strenuamente questa loro lingua, proprio perche` e` una delle poche che ha ancora parole del genere. Immaginate chi le legge. Avevo un professore dello Yorkshire che ogni tanto, per gioco, ci parlava cosi`. Lui stesso diceva che quando sua nonna parlava, e lo parlava stretto, non capiva nulla. E io che mi complico la vita da sola!

Come dicevo, dato che con la lettura vado piuttosto a rilento, mi sono voluta guardare questa nuova versione.
Il libro venne scritto da Emily Brontë, sorella di Charlotte, autrice di Jane Eyre. 
Per chi non avesse mai letto Cime Tempestose, ecco per sommi capi la trama (va narrata tutta, ma se volete leggere il libro, evitate il finale!);

La storia parte al contrario, cioe` dalla fine. Il narratore e` infatti colui che ci introduce i personaggi, ovvero Heathcliff, uomo scontroso e dai modi rozzi, Cathy, la sua giovane nuora, e Hareton, un ragazzo praticamente analfabeta. 
Dovendo restare li` la notte, il narratore ha la stanza della defunta Catherine, la madre di Cathy. Li`, durante la notte, viene svegliato di soprassalto da una bambina fantasma, che bussa alla finestre pregandolo di farlo entrare. Terrorizzato, il narattore, Mr. Lockwood, chiama Heathcliff, che corre nella stanza e chiama il nome di Catherine.
Mr. Lockwood, affittuario di Heathcliff, torna a casa sua, e caduto malato si fa raccontare da Nelly, la governante, la storia di Heathcliff.
Scopriamo quindi che Heathcliff non ha famiglia, ma venne adottato dal padre di Catherine. 
Accolto con diffidenza da tutti a causa delle sue origini (probabilmente gitane) per molto tempo i figli di Mr Earnshaw lo tengono alla larga. Alla fine, Catherine e Heathcliff diventano amici, mentre Hindley continua a detestarlo e umiliarlo non appena puo`.
Il padre manda quindi Hindley in collegio, cosi` Heathcliff e Catherine vivono spensierati per molto tempo insieme, diventando, in seguito, innamorati l`uno dell`altra.
Prima che entrambi possano sposarsi pero`, il padre di Catherine muore; Hindley tornera` come padrone di casa insieme a sua moglie, e costringera` Heathcliff a regredire al ruolo di servo. 
Tuttavia, quando possono, i due scappano correndo liberi per la brughiera. Catherine infatti, snobbava le convenzioni sociali della sua epoca, e Heathcliff sperava di poter scappare con lei.
Durante una delle loro scorribande, in cui spiavano la famiglia dei Linton, Catherine rimane ferita dal morso di un loro cane. Accolta quindi da loro e curata fino alla guarigione, e` costretta a stare lontana da Heathcliff fino a Natale.
Quando ritorna pero`, Catherine e` cambiata; indossa abiti fini e gioielli, tutti regali di Linton, palesemente infatuato di lei. Hindley comincia quindi a progettare una unione tra le due famiglie; la stessa Catherine, vedendo Heahtcliff, lo trova rozzo e analfabeta, mutando lei stessa, abbagliata "dal bel mondo". In un paio di anni la situazione muta; la moglie di Hindley muore di parto, lasciando il marito distrutto dal dolore. Diventa quindi alcolizzato, odiando quindi il figlio, mentre Catherine confessa di avere ricevuta una proposta di matrimonio da Linton, e di avere accettato nonostante ami ancora alla follia Heathcliff. Lei non potra` mai sposarlo, perche` Heathcliff e` povero, e lui, spiando questa conversazione, sente solo questa parte ignorando quella successiva; quella in cui Catherine confessa che tuttavia l`amore che lei prova per Linton e` mutabile come le stagioni, mentre quello per Heathcliff e` solido e non teme nulla. Heathcliff parte, lasciando Catherine nel dolore piu` assoluto. Si ammala gravemente, rischiando persino la vita. Salvata in tempo, da quel momento avra` sempre una salute cagionevole.
Sposa Linton, e dopo tre anni, Heathcliff ritorna, ricco e con l`aspetto di un gentiluomo. Trova Hindley, e si vendica di lui, trascinandolo sempre piu` nel vortice dell`alcool e del gioco di azzardo, priva suo figlio nel ricevere una educazione come si deve, e infine, progetta la sua vendetta sia su Catherine che sui Linton. Isabella, sorella minore di Linton, si infatua di lui; le due donne arrivano persino a litigare davanti gli occhi di Heathcliff e di Linton.
H. pur non amando Isabella, la sposa di nascosto, e solo dopo il matrimonio le confessa il suo piano. Isabella, incinta, e` disperata; il fratello l`ha infatti bandita, proibendo anche a sua moglie di vederlo di nuovo. Catherine si ammala di nuovo di nevrastenia, e muore partorendo sua figlia, Cathy.
Prima di morire pero` sia lei che Heathcliff si dichiarano il loro amore, eterno, al di sopra della vita terrena. 
Isabella fugge durante il funerale, e partorisce un bambino malaticcio, Linton. Dopo Catherine, anche Isabella morira` una decina di anni dopo, a causa del dolore e della sua vita da "rinnegata". Heathcliff assume il controllo totale di Cime Tempestose, in quanto anche Hindley muore. 
Alla morte di Isabella, Linton viene preso da Heathcliff, che pur odiandolo, progetta di farlo vivere abbastanza a lungo per farlo sposare con Cathy, unica erede di Linton e delle sue proprieta`. Accade proprio questo; Cathy, per curiosita`, conosce Cime Tempestose, e vede per la prima volta Hareton. Tre anni dopo, incontra anche il secondo cugino, Linton. Nonostante sia malaticcio, viziato e infantile, Cathy ne e` affezionata, mentre Hareton e` l`esatto opposto; brutale, ignorante e abbruttito. 
Heathcliff sa che la morte di Edgar Linton e` prossima, per cui con un trucco, convince Cathy ad andare a Cime Tempestose. Li`, la obbliga a sposare suo cugino Linton, e poco dopo, padre e cugino muoiono.
Heathcliff ha quindi finalmente il controllo su entrambe le proprieta`. Ora che tuttavia, i suoi nemici sono morti, Heathcliff e` stanco e comincia a mangiare e dormire poco. Nota tra Cathy e Hareton affetto, ma oramai non vuole piu` fare nulla per distruggere la felicita` di chi ha intorno.
Appare straniato dal mondo, comincia a credere che il fantasma di Catherine sia li` a chiamarlo, a perseguitarlo, proprio come lui le aveva chiesto mentre moriva, mangia e dorme sempre meno. Arriva persino a disseppellire il corpo di Catherine, per poterla riabbracciare, e il giorno dopo, viene trovato morto nel suo letto. Viene seppellito accanto a lei.

Nelly conclude qui la sua narrazione, e sostiene che molte persone abbiano visto i due vagare come spiriti nella brughiera. Mr. Lockwood, non crede a questa superstizione,e visita il cimitero vedendo le due tombe, mentre Cathy e Hareton si sposano il giorno di Capodanno.


A causa del suo carattere, il libro fu giudicato come romanzo gotico, e all`inizio accolto freddamente da pubblico e critica.
Ecco, penso che vedere o leggere questo libro in periodi di festivita` sia un grave errore. Che i personaggi piacciano o meno, ci sono frasi o intere pagine che rimangono comunque nell`anima.
Esistono tante versioni filmiche o a puntate;
Uno del 1939, ma descrive solo meta` del libro
Uno del 1953 della BBC
Uno del 1954, adattamento molto libero, romantico e quasi surreale
Uno del 1970, e uno, quello del 1992, che per la prima volta mostro` le sorti anche della seconda generazione, con Ralph Fiennes e Juliette Binoche 
Nel 2004 la RAI produsse Cime Tempestose con Alessio Boni e nel 2009, ne usci` un`altra, che ho visto proprio l`altra sera. (E in cui sono presenti molte differenze con il libro).
Infine, la versione piu` recente, e` quella del 2011.

Cime Tempestose e` una storia di amori, passioni, convenzioni sociali, vendetta e odio. Il libro e` stato analizzato in piu` punti, sia per la sua struttura a matrioska, sia per i suoi personaggi, che gettarono non poco scompiglio nella societa` Ottocentesca, e per la loro psiche.
Catherine, infantile e legata ad Heathcliff di un amore quasi selvaggio, e Hareton, che pur tenuto volutamente da Heathcliff nell`ignoranza e` l`unico che lo rispetta e mostra affetto, difendendolo persino da Cathy quando lei lo accusava di essere un mostro, sono solo alcuni esempi.

Non so perche` questa volta la visione mi abbia colpita, ma cosi` e` stato. 

martedì 16 dicembre 2014

Tanti Auguri Zia!

Come sapete, oggi e` il compleanno di zia Jane.
Ovviamente avevo partecipato ad un piccolo evento che consisteva nel fotografare una candela a mezzanotte e pubblicarla.
In pratica oggi ho scoperto che non mi hanno collegato il lettore di schede per le macchine fotografiche, ergo, mio padre si e` offerto di salvarmi le foto sul suo pc.
Ma a modo mio, ho comunque scelto di festeggiare in altro modo.
Innanzitutto, manca veramente, ma VERAMENTE poco al ballo, e devo finire di sistemare le canzoni e le registrazioni.
Non potendo, dopo aver sistemato e salvato le canzoni per circa 1h ho provato i balli.
Immagino la gioia dei dirimpettai nel vedere una pazza ballare da sola per la stanza, ma in fondo, "amare la danza e` un passo certo verso l`innamoramento", anche se non si sa bene ancora di chi mi dovrei innamorare.
Grazie Karma.
Ma cosa dovremmo celebrare?
Piu` di 200 anni fa e` nata una donna che ha saputo raccontare con ironia la societa` del suo tempo, facendo da guida a tante di noi. Apprezzata anche da un pubblico maschile, ha vissuto solo 42 anni mostrando al mondo che una donna poteva vivere del suo lavoro e poteva vivere senza sposarsi.
A lei va il mio personale ringraziamento per avermi aperto gli occhi quando, uscita dal liceo, ho realizzato che la situazione in cui mi trovavo non era adatta a me.
Certo, ci ha lasciato credere che esistano uomini come li descrive nei suoi libri, e certo, molte di noi probabilmente non sono minimamente interessate agli uomini intorno a loro per colpa sua, ma dopotutto, le saremo sempre grate per questo.
E, per rimanere in tema, vado a provare la mia acconciatura.
Grazie zia Jane, per averci reso tutte zitelle <3

sabato 13 dicembre 2014

E ci risiamo

Ieri mi sono svegliata pensando che, in effetti, manca davvero poco a natale.
Stranamente, non sto ancora leggendo i classici stati del tipo "si sono persi i valori" oppure "la solita commercialata di ogni anno" e potrei continuare all`infinito. Quest`anno noto il silenzio stampa.
E quindi entro in campo io.
Si`, sta tornando lui, il temuto/amato natale.
Che negli ultimi anni si sia persa un po` la magia e` inevitabile. Si cresce, parte il pensiero che porta al "ma devo fare davvero i regali?" e purtroppo, in tempo di crisi non tutti possono concedersi lussi (stranamente pero` sono l`unica fessa che a 27 anni non ha mai avuto un iphone, un mac, che non riceve regali lussuosi da chi piange miseria. E sto benissimo cosi`).
Pero` un pensiero restava fisso in me.
Cosa fa, o cosa desidera una Janeite durante le vacanze?
Probabilmente la psicosi si aggrava, portandoci a sognare e stalkerare su internet le residenze usate per i film addobbate per natale.
Alberi di due metri, calze appese, ghirlande, tavole imbandite.
Ma cosa fa una Janeite doc in questo periodo dell`anno?
Generalmente, ecco cosa succede.
Se si e` fidanzate/impegnate/in una storia appena iniziata, si approfittera` del periodo natalizio per sottoporre la propria dolce meta` alla visione di uno qualsiasi dei film/serie tv tratti dai libri della Austen. Si parla a vanvera sulla bellezza di uscire insieme, fare cose romantiche tipo bere cioccolata, decorare la casa, oppure, di ricevere regali a tema Austeniani. Il problema e` che al 90% delle volte, bisogna parlare chiaro e tondo con la propria meta` al posto di ricevere l`ennesima sciarpa. (Donne, ascoltate cio` che dico!)
Quelle come me che sono piu` nel girone Bridgettiano, spenderanno la maggior parte di queste giornate in pigiami di dubbio gusto, con disegnini non proprio consoni alla eta` riportata sulla carta di identita` (io ad esempio ho un pigiamone col panda, con tanto di coda e cappuccio), guardando per l`ennesima volta film e serie tv, ma anche commedie romantiche, dove, ovviamente, ogni eroina, anche la piu` sfigata, trova l`amore della sua vita. Il tutto mentre si mangiano schifezze e si beve te` o cioccolata. Non avendo una dolce meta` a cui chiedere un regalo a tema, generalmente si fanno gli occhi dolci ad amici e famigliari.
Oppure, entrambe le categorie si regalano da loro quello che vogliono.
O si fondono l`una nell`altra.
Cosi` io ho deciso di autoregalarmi l`ebook di "Un Natale in Mussola".
http://www.lazybook.it/prodotto/un-natale-in-mussola/
Lo potete trovare anche sul sito della Feltrinelli.
E` stato scritto a quattro mani da due ragazze siciliane Virginia Cammarata e Jennifer Federica Lombardi.
Facciamo quindi un regalo a noi e un regalo a queste ragazze, che sono riuscite a realizzare un loro sogno. Il libro, inutile dire, e` stato scritto da due Janeites, che gestiscono tra l`altro, la pagina Facebook "La mia vita da Janeite".
Ah si`, ovviamente alcuni dei miei deliri, sono finiti anche li`. Sia mai che riservi un minimo di dignita` per me!

mercoledì 26 novembre 2014

Cosa succede quando la tua mente elabora tutto cio` che hai visto nel corso della giornata.
Altrimenti conosciuta come...
Sogni da telefilm/film addicted parte due.
Dopo aver visto The Originals ieri sera, stanotte il mio inconscio mi ha fatto sviluppare una trama degna di una season finale;
In parole povere, Klaus e io avevamo la pargola, lanciavo ammiccamenti ad Elijah, intrighi e tradimenti, il tutto condensato da un professore di fisica liceale che, uscito probabilmente da una puntata di Vikings, (o per essere piu` precisi, era Brock Hurn - trovare foto sue con una maglietta addosso pare una impresa titanica.. CHE DISPIACERE
)
faceva spettacoli di magia durante le sue lezioni. Io, non so come, ero di nuovo al liceo, ma un liceo americano. In una gita, pur avendo il pensiero a "mia figlia", il suddetto professore ci portava sulle giostre, e li`, davanti i nostri occhi, appariva e scompariva, come per magia.
Mi sono svegliata parecchio confusa e un filino perplessa.
Durante la giornata le cose non sono migliorate; per l`esame di critica letteraria sto iniziando a leggere i classici, e ho deciso di iniziare per primo Au Bonheur Des Dames, di Zola. 
Se stanotte mi sogno Denise e quel buono a nulla di suo fratello, lo picchio a sangue e lo lascio a terra svenuto.
Per chi si stesse chiedendo cosa ho sognato la scorsa volta: ero un agente dello Shield, e mi ritrovavo con Rose Tyler e sua madre. (Parlo quindi di Agent of Shield e di Doctor Who)
Amo la mia mente!

martedì 25 novembre 2014

25 Novembre.

Oggi voglio scrivere un post serio.
O almeno, provarci.
Oggi, come sapete tutti, e` la giornata contro la violenza sulle donne. Benissimo.
Mi fa piacere che i problemi piu` lampanti della nostra societa` vengono, per un giorno, analizzati al microscopio. Sappiamo tutti che stasera, accendendo la tv sentiremo "la violenza sulle donne ha raggiunto numeri allarmanti. Da gennaio a ora, sono morte 100 donne per mano di mariti, fidanzati, ex fidanzati". Questo solo in Italia. Chi per gelosia, chi perche` non accettava la fine di una relazione, insomma, ognuno di questi decerebrati ha pensato bene di ammazzare una persona per questi motivi.
Ora, la mia domanda e`: vero che alcune di queste donne hanno taciuto di queste violenze.. ma tutte la altre che hanno denunciato, esattamente, perche` non sono state protette?
Ve lo dico io perche`: purtroppo, c`e` questa brutta abitudine, che vale sia per gli uomini che per le donne, di minimizzare.
"Mi ha dato della puttana"
"Eh capirai!"

"Mi ha scritto che devo morire"
"La gente e` stronza".

"Quella ragazza mette in giro voci su di me non vere.."
"E tu devi dire che te la sei scopata o che se la fa con tutti"

"Suo genero ha sodomizzato un bambino perche` grasso"
"Ma era uno scherzo!"

Il punto e` che questa violenza - che sia fisica o psicologica -  pare non sconvolgerci piu`. Se per un caso x veniamo minacciate, magari sono proprio gli organi preposti a fare domande tipo "si`, ma tu cosa gli hai detto?" "prego?" Beh, per reagire cosi` proprio la santa non avrai fatto" oppure "si` ma se ti vesti cosi`, te le cerchi!" (testimonianze semi dirette di poliziotti o carabinieri che non volevano prendere queste denunce)

Ovviamente, se un uomo minaccia violenze, ti violenta, o ingiuria, e` colpa tua. Sia mai che la colpa sia dell`uomo. Indimenticabile un caso a Messina, di una donna scomparsa, poi trovata morta. Il padre si e` visto prima rifiutare di prendere la denuncia (perche` non ne valeva la pena cercarla) e poi, in una telefonata intercettata, un carabiniere dice all`altro "ma questa e` una puttana, sara` scappato col primo che e` passato". La donna in questione e` stata appunto trovata morta, forse ammazzata. Ma alla fine, chissenefrega?
Ora, mettiamo il caso che la donna in questione fosse sessualmente attiva, amasse avere rapporti liberi. Questo fa di lei una puttana? E in ogni caso, la vita di una puttana vale meno degli altri?
E` giusto ricordare che nel mondo, anche i bambini e gli uomini possono subire questo genere di violenze.
Gli uomini denunciano meno delle donne, perche` hanno paura di non essere creduti. Chi vuoi che creda che sei stato violentato da una donna?
E` vero che comunque, gli uomini si negano di meno; ma ci sono stati casi, casi in cui queste vittime non sono state credute. Altri, che hanno detto che non c`era bisogno di essere drogati per essere "violati". Poteva benissimo succedere senza bisogno delle droghe. Anche questo influisce sul pregiudizio che l`uomo non subisce violenza sessuale.
Cosi` come non vengono creduti quei bambini che accusano un parente, un amico, un insegnante, un prete, di violenza.
Anziche` quindi, fare una giornata PER LA VIOLENZA SULLE DONNE, sarebbe opportuno fare una giornata, un mese, un anno, in cui si INSEGNA A RISPETTARE OGNI ESSERE VIVENTE.
Che sia una donna, una bambina, un ragazzo, un neonato, se educhi e cresci bene tuo figlio, o tua figlia, entrambi avranno maggiore rispetto per se` stesso e per chi gli sta attorno.

Il fatto e`: se fino ad un secolo fa e anche meno, se una donna veniva violentata in Italia non solo il violentatore restava impunito, ma dovevi anche sposartelo per salvare "il tuo onore" (!) come possiamo pensare che oggi le cose possano cambiare?
Basta andare in giro, e vedere il degrado da cui siamo circondati. Ragazzine di 13, 14 anni, con birra e sigaretta, che approcciano o vengono approcciate da altri ragazzini, magari pure maggiorenni, che cercano la sveltina facile. Ragazzine che si fidano di persone conosciute in chat e che vengono poi violentate. Ragazze che si vedono gettare l`acido in faccia per la fine di una relazione. Ragazze ubriache che vengono violentate perche` "mi ha provocato", magari dal branco.
Ma se fosse vostra sorella? Vostra figlia? Sapete quanto e` imbarazzante, umiliante, snervante, camminare per strada e sentirsi rivolgere le peggiori schifezze?
Non parlo del "ciao, ci prendiamo un caffe`" che magari fa anche sorridere, parlo proprio delle battute lascive a sfondo sessuale. Dei gesti che ti vengono fatti.

Un ultimo appunto.
E` inutile condividere foto di donne picchiate e dire "le donne non si toccano!" se poi, magari, siete i primi che fate apprezzamenti piu` o meno marcati sul corpo di una donna.
E` inutile che vi spacciate per paladini della giustizia, se poi in casa siete serviti e riveriti.
E` inutile, se poi quando uscite per andare a "caccia", vi approcciate con cose tipo "certo che hai delle tette da paura!"

Combattere la violenza, significa anche trattare la donna che vi sta a fianco con lo stesso rispetto con cui trattereste voi stessi; che sia vostra madre, sorella, cugina, figlia, il concetto non cambia.
Lo so che molti di voi non alzerebbero un dito ad una donna nemmeno per sbaglio, ma se pensate che le donne hanno raggiunto pari diritti con voi, o che magari trovate assurdo dedicare una giornata alle vittime di questa violenza "perche` tutti subiscono violenze, eppure non c`e` una giornata per loro", allora dimostrate. Fate vedere che lo pensate. Se vedete una ragazza mezza nuda, magari brilla, che vi stuzzica, pensate che quella ragazza brilla potrebbe essere vostra parente. Non pensate che sia "bendisposta", perche` a casa ci sara` la sua famiglia ad attenderla. Accompagnatela a casa, se ci tenete, magari avvertite qualcuno. Non abbiate paura di sentirvi dire "ma sei gay? Avevi la cosa pronta!" Rispondete e AGITE da persone adulte. "Non approfitto di una ragazza in queste condizioni". Semplice. Un amico, un VERO amico, non vi direbbe mai che avete fatto una cazzata. E in ogni caso, voi vivrete con voi stessi per sempre. Gli amici vanno via. Quello che voi farete, no.

Se una ragazza indossa una minigonna, non vuol dire che cerca sesso.
Molti di voi ragazzi esce con il culo di fuori, per queste nuove mode del momento, ma non mi pare sia un invito a farvi toccare il culo, giusto? Quindi perche` gridare "puttana" dal nulla ad una ragazza che vi sta pure ignorando? O dare della puttana se non ve la regala? O peggio, palparla e tentare di baciarla?

Non mi aspetto una risposta a nessuno dei miei quesiti, e so che le mie parole sono parole al vento; la speranza e` l`ultima a morire. Se per un caso fortuito un giorno avro` figli, insegnero` loro quello che per me e` basilare, ma che per molti pare non sia cosi`.
Il rispetto. Rispetto e protezione di chi e` piu` debole.
Sa il cielo quante ragazze avrebbero voluto avere qualcuno che le salvava e proteggeva mentre venivano violentate.

mercoledì 19 novembre 2014

Quando la Morghite ti colpisce

Il furto di foto su internet oramai e` roba vecchia.
Ma quando e` la tua faccia ad essere rubata, li` il discorso cambia.
Ti senti quasi violata.
Eh no, non scherzo!
A me e` successo, e vi assicuro che leggere un profilo finto (anche se ora e` quasi certo che a farlo e` stata una psicolabile) con il vostro muso, il vostro nome e cognome e le foto (anche private) pensiate "ma che diavolo?"
E questo e` successo anche alla mia amica Morgana.
Che ieri ha ironicamente messo il profilo di questa tizia che, mettendo foto di ragazze tra cui lei, si beccasse anche i complimenti che le persone facevano. O ha una tripla personalita`, o non so.
Questa e` la foto incriminata.
Morghina qui tentava di imitare Mercoledi` Addams, E la domanda che tutti si sono posti.. ma perche` questa foto?
Sara` lo sguardo omicida di Morghi? Sara` questo profilo un po` alla Maleficent? Ma insomma, la situazione ha fatto scoppiare l`ilarita` in tutti i Morghi`s friends, senza riuscire a trovare risposta. Invano e` stata l`iniziativa di mandarle una richiesta. Non accetta.
Per rendere le cose ancora piu`.. divertenti, ho pensato bene di dare il via alla campagna "siamo tutti un po` Morghi".
Cosi`, in un collettivo momento di crisi di identita`, abbiamo messo questa foto profilo con i miei personali suggerimenti.
‪#‎adottaanchetuunamorghina‬ 
‪#‎siamotuttiunpomorghini‬ 
‪#‎oggimisentolamorganite‬
Cosa e` la Morganite?
Bella domanda!
La Morganite (o Morghite) e` un tipo di sintomo che puoi avvertire dopo aver frequentato per un lasso di tempo Morgana.
Segni distintivi:
- Perdi la cognizione del tempo
- Ritardo cronico
- Ami i conigli
- Devi chiedere mille volte "ricordatemelo o resto a dormire"
- Mangeresti tanto sushi
- Fai molto bimba in gita quando vai all`universita`
- Tiri fuori cioccolattini nei momenti meno probabili
- Ti metti a fare piccole rotazioni su te stessa, o mini saltellini
- Teina dipendente, anche con il caldo
E mandato la richiesta a lei, che si trovera` almeno tre tizie con la stessa foto (che ha anche lei) chiedere di aggiungerla. Ovviamente vedra` che siamo tutte amiche fra di noi, quindi capira` l`estrema presa per il culo (anche se non pare proprio sveglissima eh) ma non puoi rubare le foto di qualcuno e pensare che nessuno lo notera`.
Non vuoi mettere la tua faccia?
Metti foto di fiori, animali, paesaggi, quadri, del tuo culo, ma il senso di rubare una foto (e ringraziare se qualcuno si complimenta) ancora non mi e` chiaro.


sabato 15 novembre 2014

First of all


I am not overweight.
I fluctuate between chubby and curvy

Mie care amiche.
Io ho scoperto il telefilm della mia vita.
Quella che vedete e` infatti la citazione che la nostra protagonista - un medico 30enne di origini indiane, che come tutte fluttua tra l`essere considerata cicciottella e formosa, sfigata in amore e con un pessimo gusto in fatto di uomini - fa ad una paziente obesa, incinta. La paziente, che ribadisce con tono di sfida "se io devo dimagrire deve farlo anche lei" riceve questa fantastica risposta.
"The Mindy Project" e` la versione Bridgettiana della tv.
Davvero, sono arrivata a ridere da sola ghignando come una scema.
Ma cosa ha di tanto speciale questo telefilm? Beh, innanzitutto e` la storia di una donna perfettamente normale (niente superfighette con seni sodi, alti, e con pancia piatta anche se sono incinte) che, puo` dirsi tutto sommato soddisfatta della sua vita. Ha un buon lavoro, ma non trova un uomo.
E` una comedy, quindi puo` accadere di tutto in ogni puntata. Personaggi improbabili, senso della moda di dubbio gusto, tantissima ironia. Io sto consigliando un po` a tutte di vederlo. All`inizio non ero proprio convintissima, ma essendo puntate da appena 20 minuti, direi che si puo` vedere, anche grazie alla presenza di guest stars come James Franco, Lee Pace e Moby.
Vi dico solo che nella prima puntata la nostra protagonista, scaricata dal suo ragazzo per sposarsi con un`altra, si ubriaca al ricevimento e.. vi lascio immaginare! :D
Ora, non dico di non avere mai detto una cosa del genere.. mmmh.. *coff*
Mindy e` anche nota per non avere esattamente un buon rapporto con i bambini. Adoro.
Fanno anche tantissime battute da altri telefilm, specie se famosi e.. se vi state chiedendo cosa sia "a Wetnap", sono letteramente i bagnati fazzolettini.
Cioe` i nostri fazzolettini imbevuti (perche` uno dei protagonisti secondari aveva portato ali di pollo intrise di olio ad una festa)
La cosa divertente sono anche le differenti etnie presenti o nazionalita`.
Poteva mai mancare un affascinante dottore inglese con il suo sexy British Accent? :P
E infine, adoro il fatto che lei, all`inizio, non si accorga di cio` che era evidente a tutti i suoi ex ragazzi. Chi la tradisce, chi non la ritiene alla sua altezza, insomma, tipologie di uomini di ogni tipo, che si intrecciano con le vite anche dei suoi collaboratori e degli infermieri che lavorano li`.
E vogliamo poi parlare dell`analisi DETTAGLIATA della prima settimana dopo una rottura?
"La prima settimana e` la peggiore. *Canzoni deprimenti, cibo sul letto, stato di incuria generale, schifezze ordinate via telefono. Baciare il pacco di biscotti*
Insomma, se volete farvi una risata, ve lo consiglio. Tantissimo.
Perche` c`e` sempre una piccola Mindy dentro di noi, magari ben nascosta ma.. c`e`. u.u


venerdì 7 novembre 2014

E` una verita` universalmente conosciuta, che quando un uomo incontra una donna, poco importera` che la donna si dimostrera` poco interessata.
Se per un caso fortuito la donna si ritrovera` a guardare con aria annoiata nella sua direzione, l`uomo credera` di avere gia` fatto una conquista.
So gia` che stanno partendo i cori da stadio di uomini feriti nel loro intimo dicendo "non e` vero!!1!1 Non siamo tutti cosi`!11111!!" pero`, dai, dobbiamo ammetterlo.
I vostri amici che agiscono cosi` non vi fanno onore. Cosi` come a noi non fanno onore le sgallettate che credono che Uomini e Donne sia un programma tv educativo e avvincente.
Ma partiamo con ordine.
Ho molte cose di cui lamentarmi.
La prima, e` che noto con dispiacere che alla domanda "e tu, ti frequenti con qualcuno?" a cui rispondi con un pacato "no", arrivi lo sguardo di commiserazione dalla ragazza di turno, seguito da un "ma come, a questa eta` ancora niente ragazzo?"


Signori, io scherzo sempre sull`essere Bridget Jones (mica tanto, direte voi) ma oggettivamente ogni giorno che passa mi sento sempre piu` trascinata in questo vortice.
Si`, diamine, Bridget si becca Mark Darcy alla fine MA AL MOMENTO LA MIA VITA E` COME QUELLA GIF.
Fatevene una ragione. Non credo di aver firmato un contratto in cui avrei detto che avrei sfornato figli a 27 anni.
E poi, che vi interessa? u.u Io sono asociale. Fondamentalmente non me ne frega una mazza se partorite o vi sposate. Mi interessa la felicita` dei miei amici, quello si`, ma della vita intima di gente al di fuori della mia ristretta cerchia, non mi importa proprio nulla!

La mia seconda lamentela riguarda, come sempre, gli uomini.
SONO ETERO.
E` NORMALE CHE IO MI LAMENTI DEGLI UOMINI.
Un giorno mi lamentero` della programmazione della tv italiana ma non e` questo il giorno!
Diciamo, semplicemente, che quando un ragazzo si trova ad inventare bugie per tentare di attrarre una ragazza, raramente il piano va a buon fine.
1) Non siamo cretine
2) Generalmente capiamo se possiamo fidarci o meno di qualcuno. A pelle.
3) La verita` viene sempre a galla
4) Fate solo la figura dei cretini. (Si collega al punto uno, in parte)

Ma perche` la gente si ostina ad essere cio` che non e`? Non e` meglio provare a conquistare una persona alla vecchia maniera?
Cioe` essendo se` stessi? Poi voglio dire, se una ragazza declina e non si fa piu` sentire, non cominciate a stalkerarla. Se provasse interesse, vi scriverebbe.
Si farebbe viva. Proporrebbe un giorno diverso, se ha un impegno.
E nel caso in cui non rispondesse piu`, allora PER FAVORE, A NOME DELLA POPOLAZIONE FEMMINILE, NON INSISTETE ¬¬!

Sara` banale, ma ho notato che molti ragazzi non accettano un "no grazie" come risposta.
Ma che succede? Ma davvero a 20, 30, 40 anni non sapete capire la vostra stessa lingua?
Robe che a paragone Mr. Collins e` un uomo dotato di grande intelligenza, sensibilita`, fascino e comprensione del genere femminile.
E NON vi sto facendo un complimento.
Mi fate venire voglia di spendere le mie serate cosi`.

Detto questo, lascio tutti con un consiglio, visto che parliamo di corteggiamenti, invasioni della privacy e diavolerie varie.
Non lasciatevi condizionare dai rimpianti. Io ne ho uno, che mi trascino da un po`. Per cui spero che, se tu stai leggendo questo mio ennesimo post da pazza, beh, sappi che avrei dovuto dirti quello che dovevo dirti quando sono tornata li`. Non l`ho fatto, ma.. spero che prima o poi la vita mi dia l`ennesima possibilita`.

Questa gif la sento particolarmente mia xD
Nella prossima vita, chiedero` piu` coraggio. Ho deciso. Mi sa che in questa vita mi limitero` a curiosare come Alice nel Paese delle Meraviglie.

mercoledì 15 ottobre 2014

Quando stupidita` e ignoranza vanno di pari passo

Ho notato che ogni volta che mi capita di leggere castroneria in lingua italiana, il 90% delle volte, il soggetto preso in analisi sia anche una persona ignorante.
Per ignorante, non intendo una persona che - per motivi suoi - non conosce soltanto l`italiano.
Io intendo una persona di vedute strette, con nessuno scopo preciso nella vita. Una persona che si limita semplicemente ad esistere. Questi sono solo tre piccoli esempi. I soggetti si dimostrano
- Rabbiosi
- Timorati di "dio" (alcuni di questi erano contro il circo degli orrori)
- Omofobi (del tipo, meglio pedofilo che gay)
- Patetici (si` perche` chi si cosi` per me dovrebbe essere sottoposto ad esami di lingua italiana trimestrali)

E qui la domanda; ma e` un fattore comune? Non ho ancora trovato un omofobo che sappia scrivere correttamente in italiano o espormi la sua tesi senza essere volgare, senza mettere in mezzo dio, e senza ripetere a pappagallo la solita favoletta del "per me sono scelte di vita, non nasciamo cosi`".
Secondo mio padre, l`ignorante e` piu` facile da comandare, piu` facile da controllare e convincere di qualcosa.
Non a casa 1984 a casa nostra e` un peggio della bibbia di molti italiani: il libro della verita`.
Di fronte a questi esempi, non posso che restare a bocca aperta e sperare che almeno un giorno si possano evolvere ma..
Aiuto. Sanguinano comunque gli occhi.




giovedì 9 ottobre 2014

Come far disperare una Janeite

Essi`, perche` non basta l`arrabbiatura verso l`ignoranza latente e il poco buonsenso generale.
Qui noi dovremmo essere obbiettivi. Ed incolpare anche lei.
Jane Austen.
La causa di tutti i (nostri) mali.
Procediamo con la nostra lista. Come rendere una Janeite disperata in poche mosse:

Stadio ameboide, fase uno


1) Scrivere libri con personaggi dotati di senso morale, innamorati, (ricchi) e fedeli.
Dico, mi sembra giusto. La zia ci scrive di questi fantastici personaggi che forse esistono, e quasi sicuramente non sono nostri. Anzi, ci evitano accuratamente.
"OOOOOH ECCOLA CHE ARRIVA" *fuggono*

2) Rendere i suddetti personaggi piu` reali facendo film e period drama.
TUTTO QUESTO E` MOLTO, MOLTO CRUDELE.
Cio` comporta il primo stadio dello stalker: conoscere vita, morte e miracoli di un dato attore.


3) Organizzare un tentativo di party a base di te` e period drama.
Coraggio. Vedo i vostri Janeite brains gia` attivi alla ricerca di possibili adepte. Se i party sono in abiti Regency, anche meglio. Le polvere malcapitate non avranno via di fuga. E se non sono Janeite, costringerete comunque le vostre amiche a vivere un pomeriggio incubo.
LASCIATE OGNI SPERANZA VOI CHE ENTRATE.



Stadio ameboide, fase due

4) Trovare adepte.
Un sogno per molte di noi. Le discussioni infinite sul perche` e se si possa perdonare Willoughby o meno, se Marianne possa essere considerata o meno una fallomarmocchia, chiedersi se Elizabeth sia davvero da lodare o meno.. insomma, argomenti che non finiranno MAI.
Ovviamente il primo nella lista, sara` biasimare Darcy per la nostra attuale situazione.



5) Ampliare le proprie conoscenze utilizzando vocaboli altamente aulici.
Ammettiamolo, ogni tanto vogliamo spacciarci per donnine fini, quasi trascendentali.
Per esempio proveremo un "Mamma, potreste, qualora la cosa non vi fosse di eccessivo disturbo, dirmi che ora e`?"
Oppure "mia cara e gentile amica, vi ringrazio molto per il vostro gentile biglietto (sms). Vi sono molto obbligata, ma non potro` accettare l`invito. Vostra, ecc ecc"
Poi accade l`inevitabile. Basta prendere la macchina, guidare, e scegliere accuratamente l`imprecazione meno elegante che conosciamo.
Esperimento fallito, ma ammettiamolo: l`importante e` provarci. (E continueremo a pretendere di essere delle dame ovunque ci troveremo)



6) Fare il re-watch di tutti i period drama e telefilm.
Ecco, solitamente, in quel periodo del mese, quando personalmente piangerei per ogni cosa, mi ritrovo spesso con un pigiama sformato, calzettone di spugna, gelato da due kg per zitelle incallite, capello legato in doppio chignon, a fare il re-watch di tutto quello che possiedo.
Non negatelo. Vi vedo sorridere imbarazzate e dire "no, ma io non...e va bene. MA TU NON PUOI DIMOSTRARLO!" Ecco, la nostra Rebecca puo` comprendere il nostro stato d`animo.

7) Ponderare l`idea di cercare davvero un posto come in "Austenland".
Eh, il fatto che esistano tour legati a Jane Austen in UK, o che al Jane Austen museum di Bath le commesse siano in abiti d`epoca, non e` che ci aiuti particolarmente.
Personalmente, quando uscivo di casa e vedevo molte persone in abiti Regency andare ai balli o passeggiare per la citta`, mi rendevano solo piu` sociopatica di quanto io non sia gia`.






Stato ameboide, fase tre
8) Che noi chiameremo anche come "la fine". Perche`? 
Perche` arriveremo ad imparare le parti di film e period drama a memoria.
I nostri amici ci daranno pacche amichevoli sulle spalle.
Noi continueremo come se niente fosse, volteggiando in giro come allegri puttini con i capelli color oro.

9) Ci sono! Cosa puo` fare una Janeite, giunta al nono stadio? Quello che puo` fare meglio. Si ricrea un ambiente Regency. Incolpa la BBC di tutti i suoi mali. Guarda i video di Colin Firth che parla italiano.
Pondera l`acquisto di bonnet e abiti in stile impero *tossisce facendo finta di nulla*


10) L`ultimo stadio e` quello in cui la Janeite puo` solo arrendersi alla condizione in cui si trova.
Potrebbe pensare di aprire un posto come Austenland. 
Oppure potrebbe semplicemente essere felice di cio` che e`.
Sapere di non essere la sola. E che, male che vada, sapra` che in cuor suo, non accettera` mai di stare con uno come Collins.



lunedì 6 ottobre 2014

Come far arrabbiare una Janeite

... in poche, semplici mosse.
Salve! Sono Troy McClure! Forse vi ricorderete di me per post particolarmente importanti come "La Giungla Urbana" e "Come la Disney ci ha rovinate". Oggi parleremo di come sia possibile far arrabbiare una Janeite in pochissime mosse.
Alcune chicche sono testimonianze dirette.
Altre capitate sul web.
Ma tutte, inevitabilmente, condurranno alla stessa soluzione. Come far disperare una Janeite, gia` probabilmente disperata di suo.
Ed ecco le domande o affermazioni piu` comuni:

1) Jane Austen chi?
Nei migliori dei casi, le persone non sanno chi sia Jane Austen. E mi puo` anche andare bene, dopotutto, non tutti hanno le stesse passioni.
Ma appena sentono "oh e` una scrittrice inglese di circa 200 anni fa" arriva lo sguardo di commiserazione.



2) Ah si`, Jane AUSTIN.
NOPE
NOPE
NOPE.
Austin e` la capitale del Texas. Preferisco che mi diciate che non sapete chi sia. Davvero.


3) Ma come mai ti piace?
A me queste domande mi mettono ansia. Sara` che a me hanno chiesto pure "ma perche` ti vesti cosi`", ma le risposte per me possono essere trite e banali. "Perche` mi piace". CHE CACCHIO DI DOMANDA E`?! Perche` ti piace la cioccolata? O dormire a pancia sotto? O bere caffe`? Good Heavens!



4) Ma non ti scoccia leggere le stesse cose della Austen?
E a te non scoccia rompere sempre i coglioni? (E quando ce vole, ce vole!)



5) Secondo me, Darcy e` gay.
Eh ovvio. Se un uomo ha classe, eleganza, educazione, e` gay.
Non vi rispondo nemmeno. (SERIAMENTE, I CAN`T)



6) La Austen scrive romanzi rosa.
*&^$@_)`¬¬``?.<>/.
No, non e` salita la gatta sulla mia tastiera, quella sono io che mi mordo la lingua e tento di non azzannare qualcuno.
Fermo restando che anche alcuni insegnanti di letteratura inglese sono arrivati a definirla cosi`, io mi chiedo.. lo avete mai letto un suo romanzo? In genere, mi dicono di no. E allora non vi rispondo nemmeno in questo caso.
(I CAN ONLY SAY...RELEASE THE KRAKEN)


7) Allora per parlare con te dobbiamo chiamarti Miss? Dobbiamo inchinarci? *Segue risata*
Ma voi avete le scimmie urlatrici nel cervello. Tornatene a guardare porno, e` meglio.
Che depressione.



8) "Tu ti sei fatta una idea sbagliata, uomini cosi` non ne esistono."
(A dirmelo sono gli uomini)
No magari esistono, semplicemente, sono gia` il Darcy di qualcuna.
Pazienza. Ma in ogni caso, il problema e` mio u.u e non sono affaracci tuoi


9) "Alla tua eta` dovresti pensare a farti una famiglia, non guardarti Orgoglio e Pregiudizio."
E tu, alla tua eta`, dovresti imparare a farti i cazzi tuoi. Ecco la mia faccia ogni santa volta.
Ma da quando in qua esiste una eta` prestabilita` per sposarsi e figliare? MRS BENNET, MRS BENNET EVERYWHERE.

10) E il punto dieci. Il piu` bello.
"Anche a me piace la Austen! Ho visto Orgoglio e Pregiudizio".
Tu, in silenzio, attendi la continuazione del discorso. Che non arriva. 
"Ehm.. e del libro che te ne pare? O degli altri romanzi?"
"Ah perche` ci sono altri romanzi?"



Queste sono in genere le mie esperienze dirette.
Alcune possono far sorridere, ma altre mi hanno veramente irritata.
E` come se le persone si mettessero d`impegno a indagare sulla tua vita privata e sparare giudizi.
Si`, leggeremo i romanzi della Austen, e sappiamo bene che l`epoca Regency e` finita da un pezzo;
Ma non siamo donne stupide, siamo al passo coi tempi, e il piu` delle volte, quello che rimpiangiamo e` che all`epoca, un uomo non si intimidiva o nascondeva cio` che provava, non si vantava di quante donne aveva per sentirsi superiore. Se frequentava una donna, frequentava quella donna.
Forse ammiriamo la sicurezza di questi personaggi, il fatto che siano uomini e non ragazzini immaturi.
E forse, FORSE, se i ragazzi di oggi prendessero un po` piu` in esempio questi personaggi letterari, magari potrebbero anche capire meglio una donna. E forse, se le persone leggessero un po` di piu`, si accorgerebbero che tra questa nostra epoca, e quella Regency, le cose non sono poi cosi` cambiate.
Ci sono fin troppi Wickham a questo mondo, e davvero pochi, pochissimi Darcy. 

In conclusione

mercoledì 1 ottobre 2014

Voi mi fate paura

Si`. Perche` blogspot ci teneva a mostrarmi che i miei post anti coppietta felice (peggiore solo a TANTEEE COPPIE FELICI - cit) e di Cupido che con noi tutte, gira bendato e ubriaco, sono i piu` letti.
Corbezzoli, quasi mi sento lusingata.
Ma la mia paura e` che pensavo di essere l`unica anti sociale, l`unica che si cantava ALL BY MYSELF, con in mano una bottiglia di birra nelle serate "no", ma qui ho la conferma che siamo in tanti.
Non solo tante.
Perche` non dimentichiamo che di sfigati in amore, di gente con la fortuna attaccata al culo, ce ne sono tanti, di ambedue i sessi.
Che poi, sia chiaro che "Amor Vincit Omnia" ovvero, l`amore vince su tutto, pero` e` anche vero che certe volte, nemmeno l`amore basta.


E quindi torniamo ai miei amori immaginari.
Filmici.
Librici (?)
Telefilmici.
La causa di tutti i mali.

Recentemente ho rivisto Captain America, The Winter Soldier, in inglese.
Sono sicura che i commenti in merito saranno di altissimo livello culturale.

Ma una menzione speciale la dobbiamo fare anche a lui. No, non parlo di Mr. Darcy, ma del mio piu` maturo amore librico.
Mr. Thornton.
Si` a me piace vincere davvero facile!

Ora, non mi dilunghero` sul perche` io ami questo personaggio.
Non mi dilunghero` nemmeno sulla perfezione di Richard e l`eleganza di un uomo in questi abiti.
Lascio solo le gif a beneficio di tutte le signorine li` fuori <3


E noi ci meravigliamo se rubano in ospedale.

Sta facendo molto scalpore la notizia che, a Palermo, nel reparto riservato ai bambini malati di leucemia, siano stati rubati giocattoli destinati a loro.
Che io mi ricordi, rubare a persone malate (o morte) non sembra una novita`.
Quando ero molto piccola, avvertivano le persone di essere sempre accompagnate in ambulanza da qualcuno, perche` nel 90% dei casi, venivi derubato mentre eri incosciente proprio dagli infermieri e portantini. Se eri in ospedale, vedevi le persone spogliarsi di tutto, persino della fede nuziale, per darla ai parenti, ed evitare il furto di notte, mentre dormivi.
Questa cosa, oltre a generarmi ulteriore disgusto, mi ha fatto pensare a: ma toccheremo il fondo prima o poi?
Mi e` capitato anche di andare al cimitero, e trovare tombe dei bambini depredate per prendere i peluches, che venivano alle volte addirittura legati con i lucchetti. Inutile io vi descriva lo strazio dei parenti, dei genitori. Una di quelle volte una mamma era li`, vicino la tomba, inginocchiata. Il marito, con gli occhi gonfi di lacrime, le batteva la mano sulla spalla. Non emettevano un rumore, non sentivi nemmeno un gemito. Piangevano silenziosamente, davanti la tomba di un bambino di sei anni.
Era piena di fiori, disegni, e per evitare i furti avevano fatto mettere una vetrinetta per i peluches.
Vetrinetta rotta, peluches andati.
Perche` oltre al danno, subisci anche la beffa.

Se lo schifo dello schifo non si ferma nemmeno davanti al pensiero che li`, sotto i tuoi piedi, ci sia un bambino morto, o quel che ne resta, davvero pensate si possano fermare a depredare un ospedale con bambini ancora in vita?
E vogliamo parlare del furto dei fiori? Eh si`, perche` anche un mazzo di rose lasciato li` per un tuo parente, sembra attirare le smanie irrefrenabili di qualcuno.
E qui ti viene voglia di mandare via il tuo savoir-faire ed essere molto, molto cattiva.


lunedì 29 settembre 2014

Come film e telefilm possano fare incazzare

Protesto ufficialmente.
Ogni film che sto vedendo ultimamente sembra essere scritto sulla mia sfortuna.
Ogni singola donna in questo film e` una donna cosi` sfortunata (ovviamente in amore) e fa figure di merda cosi` grandi, da portarmi a pensare.. ma che diamine, mi spiano e ci scrivono i copioni?!
Perche` eh no, non basta la sfortuna normale.
Mettiamoci anche tutte le mie cadute, le mie volte in cui avrei dovuto tenere la bocca chiusa.. si`, praticamente sono la versione meno figa e meno spendacciona di Rebecca Bloomwood (Confessions of a Shopaholic).

Quindi oltre a protestare, dovro` anche chiedere un cospicuo risarcimento danni. Cioe`, non sembra una frase detta da me?
Diamo a Cesare quel che e` di Cesare.
Sottolineo comunque, che a me non capitano mai i cosiddetti "colpi di culo" di tutte le protagoniste.
No, non voglio parlarne.

Passando oltre questa utilissima, elevate e sopratutto, importante considerazione sulla mia vita (chiamiamoli anche i pensieri sulla vita che ognuno di noi fa sotto la doccia) ultimamente mi sono tolta qualche film da vedere dalla mia lista. Ne ho circa dieci da vedere, ma partiamo con quello visto ieri.
Divergent.
Ultimamente sono insofferente quindi non mi dilunghero` sul perche` questo genere di film mi stiano sembrando tutti uguali o forse lo sono, ma non vorrei dirlo per non essere insultata.

Ho visto poi un film che sapevo gia` di commedia, o semi commedia, e anche qui abbiamo la versione piu` figa di me, alle prese con un principe, casualmente gnocco, casualmente impegnato con la snob di turno, che casualmente reincarna TUTTI i pregi che un principe dovrebbe avere.
Non ho ancora detto che il principe gnocco e` interpretato da Sam Heughan, questo spiega perche` io lo abbia visto.


Ma una domanda sorge spontanea... chi minchia e` la costumista? Ora, io non saro` un guru della moda o una "fescion bloggher", ma rosso, giallo e grigio mi fanno pensare al ketchup, alla maionese e alla cacca di colomba.
No, no e ancora no.
Film godibile per una serata tra te e il gelato, una di quelle serate in cui resti a casa a farti una maschera di bellezza e metterti lo smalto.
In Italia il film non e` mai arrivato nelle sale, ma Merdiaset lo ha fatto doppiare e proposto sulle sue reti. In italiano il titolo e` "Natale a Castlebury Hall". INDOVINATE IL TITOLO IN INGLESE.
"A princess for Christmas". Perche` minchia non lo traducevate "Una principessa per Natale?" ma chi traduce? Una scimmia urlatrice? *implode*

Passiamo ai telefilm.
Oggi e` anche ricominciato Once upon a Time.
Un telefilm che adoro, ma che da un paio di stagioni, eccezione fatta per qualche puntata, mi sta risultando pesante da vedere.
Purtroppo sembra essere entrato in un cerchio senza fine di "Regina cattivo, Rumple vendicativo, cattivo di turno. Regina buona, Rumple redento, cattivo ucciso. Rieccace qua".
La novita` e` che ora abbiamo Frozen inserito come nuova fiaba.
Che palle.
Per carita`, film graziosino, ma non mi spiego tutta la fama. Si`, due sorelle si salvano a vicenda, ma non e` certo il primo film di animazione Disney a parlare di questo amore!
Brave, che nessuno si e` cagato, mostrava l`amore tra una madre e una figlia, eppure non ne parla piu` nessuno.
Siamo invasi dalle Else e dalle Anne.
Episodio che non mi ha lasciato nulla, e so che e` stata una commercialata, ma il mio cuore ha fatto una piccola capriola nel vedere la scena del ballo Rumbelle.
Stessi costumi, stessa musica de "La Bella e la Bestia".

Siete dei bastardi. Io non posso non piangere
E ovviamente, il povero Hook, dopo tipo seimila puntate, sperava in un po` di coccole e possibile fiki fiki con Emma.
Ma lei al solito, fa la preziosa.
No guarda, mi sento in colpa per Regina.
No guarda, c`e` un nuovo mostro in citta`.
Abbi pazienza ragazzo, avrai la sacra e magica patonza un di`.
E qui ripeto..
ma se proprio non ti piace...MA DALLO A NOI!

E poi una non si deve incazzare? Diventero` peggio di un Dalek un giorno di questi.

sabato 27 settembre 2014

Vuol cosi` e vuol cola`.

Non so se e` il periodo, non so se e` l`arrivo dell`autunno, fatto sta che per ora sono in completo "mood" Ragione e Sentimento.
Vogliamo chiamarlo "Sense and Sensibility"? Fine.
Fatto sta che per ora le avventure delle due sorelle, Elinor e Marianne, mi sembrano molto personali.
Mi sono riletta il libro, e mi e` venuta voglia di vedere la serie tv BBC 2008. Dopo, mi e` venuta voglia di vedere il film del `95.. insomma, ho la netta impressione che il secondo capitolo da "la mia vita da Janeite" sara` incentrato proprio su quello.
Ma tornando al presente.
Ieri sono stata a vedere il "circo de los horrores", e come mi aspettavo, nella mia citta` i bigotti sono usciti come le lumache dopo la pioggia, asserendo che satana aveva trovato nuovi mezzi per prendere le nostre anime.
Urra`.
Non mi dilungo oltre sui neuroni dispersi di queste persone, ma il pensiero che questa gente parla, respira la mia aria, vota (E IL SUO VOTO VALE QUANTO IL MIO! VE POSSINO!) e mi deve far vergognare di fronte ad artisti internazionali (eh si`, molti di questi loschi personaggi hanno proprio scritto nella loro pagina!) mi ha urtato veramente alquanto.
Ieri ero sicura che avrei trovato alcuni di questi invasati (poi parlano male dei musulmani pero`) di fronte al circo a protestare, invece, per fortuna, non e` stato cosi`. Tra l`altro, la figlia 17enne dei proprietari e` rimasta coinvolta in un grave incidente con la madre e il fratellino, ed e` morta sul colpo, mentre madre e fratello sono in ospedale.
Mia madre, con fare cupo, ha commentato dicendo che "questi parassiti gliene hanno dette cosi` tante che hanno attirato la sfortuna". Capirete bene il mio malumore crescente.
Ma andando per ordine.
Ci siamo incontrati con Morgana e Ilenia fuori, e dopo aver scambiato i biglietti, siamo entrate.
Vi era un cimitero ricreato, con accanto un bancone per prendere da mangiare e bere. Una volta sedute e incontrati Chiara, Cikko e Martina, ci prepariamo al terrore.
Scena: si avvicinano i primi personaggi: una suora che urlava "peccatori" o semplicemente, ti urlava nell`orecchio. Pazzi con motoseghe o che ti fissavano semplicemente senza dire nulla. Spose inquietanti, infermiere che camminavano come se fossero uscite da un video dei "In This Moment"... beh, ovviamente non mi sono spaventata nemmeno una volta XD era come essere ad un party di Halloween, ma ho visto davvero gente saltare in aria o urlare.
Io e Morgana salutiamo tutti con fare alquanto puccioso. Ovviamente, i poveri artisti ci sono rimasti male dato che eravamo tutte sorridenti, e cosi` hanno pensato bene di limitarsi a rubare i popcorn a Morgana o chiederne uno per poi gettarglielo addosso XD
Vedendoci praticamente ignorate, Morgana mi rimprovera, dicendomi di smettere di salutare pucciosamente gli artisti. Io a mia volta le chiedo se, a causa delle nostre vesti, non avessero scambiato anche noi come parte dello spettacolo e quindi ci stessero ignorando per quel motivo. Il dubbio rimane.
Finalmente arrivano le 18.30 e lo spettacolo inizia.
Il circo si e` aperto con questo "diavolo" che ogni tanto compariva accanto a noi, che dava il benvenuto ai "mortali", piazzandosi in mezzo al "palco", e indicando una "bambina" (in realta` come si capisce bene e` una attrice affetta da nanismo), inizia questa sorta di racconto, portando poi in scena, dentro una bara, Nosferatu.
Nosferatu, che prepara il pubblico con battute (e qui sono rimasta un po` perplessa all`inizio dall`utilizzo di un linguaggio abbastanza colorito) di vario genere, entrando in confidenza con il pubblico, da` quindi il via allo spettacolo.
Come ogni circo abbiamo acrobati, danze tribali, mangia fuoco e trapezisti, ma il tutto presentato sotto forma "horror".
Le bimbe possedute erano due contorsioniste, il boia che stava per tagliare la testa al condannato esegue con lui un numero di forza, sollevandolo e facendo altre acrobazie.
La tipa sonnambula, tenuta dai suoi capelli, vola in aria, si sveglia, e continua il suo numero mostrando una agilita` pazzesca, vorticando come una ballerina sospesa nel vuoto. Abbiamo anche numeri classici del circo, come il mimo con un fischietto, e qui si interagisce nuovamente con il pubblico, cosi` come all`arrivo dei pagliacci che, sempre con una vena di finta psicopatia, prelevano una povera vittima dal pubblico e lo sottopongono ai loro scherzi.
Qualcosina non mi e` garbata, forse le battute un po` a sfondo sessuale mi hanno lasciato perplessa, pero` nel complesso l`ho promosso a pieni voti.
Fino al finale, quando capisci che il pallido viaggiatore che era arrivato a inizio spettacolo, si rivela essere Nosferatu, durante un "macabro" ballo, in cui tutti gli artisti - in abiti dal taglio vittoriano - vorticano attorno a lui, per poi ringraziare il pubblico, che allo spettacolo pomeridiano, si e` alzato in piedi e ha applaudito senza sosta.
So che allo spettacolo serale gia` verso l`entrata trovavi gli artisti ad accoglierti, dentro le gabbie o passeggiando mentre fai la fila, spaventandoti.
So anche che ieri sera, probabilmente commossi dalla reazione del pubblico, hanno speso poche parole per salutarla (qui trovate il video Finale circo degli orrori ).
Le famiglie circensi sono molto unite, e specie la morte di una ragazzina non deve essere stato facile per loro, specie quando vivi praticamente in strada, condividendo gioie e dolori.
E non deve essere nemmeno facile FAR divertire il pubblico quando hai la morte nel cuore!
In definitiva, se siete ancora indecisi, andate. Non e` comune per una citta` come Palermo che ci sia qualcosa di diverso dal solito cantante grezzo neo melodico, o il solite triste tour di qualche musicista italiano che copia le canzoni di gruppi piu` famosi e viene chiamato rocker (si`, odio Vasco Rossi e consiglio a Ligabue di scriversi lui la musica).
Detto questo, mancano 22 giorni al prossimo picnic! :3
Devo solo finire di arricciare una parte di gonna e provare trucco e parrucco. Wiii~~

martedì 9 settembre 2014

Real Life Disney Princes Would Be Horrible People

Allora.
Premesso che:
ho creduto per almeno due mesi di aver pubblicato i miei deliri su blogger per scoprire che non era cosi`.
Ergo ho praticamente parlato con me stessa. LOL. Lasciamo stare su quante cose avessi scritto, in particolare sulla Cornovaglia.
A tempo debito, se non mi scocciero`, scrivero` e pubblichero` qualcosa.
Oggi sono incappata in questo video, credo di essermi incrinata due costole nel tentativo di non ridere.
Non ce la si puo` fare.
http://kotaku.com/real-life-disney-princes-would-be-horrible-people-1631665960
Invito in particolare noi femminelle ad andare a vedere. Credo che sia MOLTO ATTINENTE CON I NOSTRI ATTUALI PROBLEMI.
Ma passando a temi sicuramente piu` felici e spensierati.
Ho iniziato una serie tv che si chiama Outlander.

Una brava Janeite guardera` sempre serie tv in costume, film o rappresentazioni teatrali.
Di cosa parla Outlander: in parole povere e` la storia di una infermiera inglese, che dopo la fine della seconda guerra mondiale, va con il marito - insegnante di storia - a fare una seconda luna di miele nella selvaggia Scozia.
Dopo aver visitato in lungo e in largo, Claire comincia ad avvertire delle strane sensazioni. Una notte, in particolare, mentre assiste con il marito ad un antico rituale pagano, Claire si sente affascinata e nel contempo quasi intimorita da quanto ha visto. Scopre che dentro le rovine dove e` avvenuto il rituale, vi sia un tipo di fiore che non aveva mai visto. Il giorno dopo decide quindi di tornare. Mentre si avvia per tornare a casa, Claire tocca una delle pietre, quasi come se sentisse un richiamo.

Si ritrova cosi` nella Scozia del 1743, in piena guerra tra Scozzesi e Inglesi. Viene salvata da un quasi stupro ai danni di - ironia della sorte - un avo di suo marito, un capitano delle "giubbe rosse" proprio da uno scozzese, del clan MacKenzie, residenti a Castle Leoch. Quasi inconsapevolmente, salva Jamie, il nipote del capo del clan, da una ferita grave al braccio. Quando il clan si accorge che possiede conoscenze piu` profonde di molti guaritori, la considerano una prigioniera importante, pur sospettando che lei sia una spia, e la "invitano" a rimanere da loro, anche se l`obbiettivo di Claire e` scappare e ritornare al circolo di pietre, Craig na Dun.
Ovviamente il suo arrivo e` fonte di perplessita` per tutti. Viene chiamata Sassenach, cioe` inglese, o straniera, e come tale viene trattata, con sospetto e insufficienza.
Essendo una donna del 20 secolo, Claire si ritrova a vivere in una societa` con idee ancora molto retrograde. Salva da morte certa un bambino che aveva mangiato una foglia avvelenata, incappando nelle ire del prete locale, che lo credeva impossessato da un demone, e non voleva che lei lo salvasse. Questo le fa guadagnare il rispetto di alcune delle donne del castello, che sono quasi affascinate dalla sua mancanza di paura, dal suo linguaggio (abbastanza colorito) e dal suo modo di vedere la societa` scozzese.
Ovviamente non mi dilungo troppo sul resto,  non voglio rovinare la sorpresa a chiunque voglia intraprendere questo viaggio nel `700 scozzese. 
La presenza comunque dell`affascinante Jamie Fraser (interpretato dall`attore scozzese Sam Heughan) ha sicuramente giovato a rendere piu` "esotica" la storia, tratta tra l`altro da una serie di libri di Diana Gabaldon, che mostra per l`appunto la protagonista divisa tra due uomini, cosi` diversi tra loro.
Io lo sto consigliando a chiunque mi chieda qualcosa di carino da vedere <3 vi lascio quindi con l`immagine di chiusura della sigla. Oidhche mhath dhuibh!